maggio 14, 2017 Preventivo

Prestiti inpdap: le finanziarie convenzionate

Da alcui anni fino ai giorni nostri, l’Inps e l’Inpdap, che ormai costituiscono un ente unico, sottoscrivono convenzioni con una grande quantità di società finanziarie, banche e istituti di credito. In queste convenzioni vengono definite le agevolazioni accordate agli iscritti Inpdap e Inps nel momento in cui richiedono un prestito personale o finalizzato.

Finanziarie convenzionate ai prestiti inpdap

L’Istituto nazionale che gestisce la previdenza per i dipendenti dell’amministrazione pubblica (Inpdap) sottoscrive convenzioni con svariati istituti di credito per la concessione di finanziamenti ai propri iscritti per una durata massima che non può, in ogni caso, eccedere i 30 anni per quanto concerne il rimborso. Generalmente in questo tipo di prestiti si può applicare un tasso che può essere fisso o variabile e in tutti i casi viene definito agevolato proprio perchè ben al di sotto rispetto a quelli offerti sul mercato.

La forma di finanziamento più utilizzata dal dipendente iscritto alla gestione Inps o Inpdap è la cessione del quinto dello stipendio o della pensione. La convenzione stipulata dall’ente con la BNL, dà l’opportunità all’iscritto di rimborsare il credito al consumo ottenuto mediante la trattenuta di un quinto dello stipendio percepito fino alla totale estinzione del debito. I prestiti su cessione del quinto prevedono l’applicazione di molto tassi ridotti e costi che sono comunque ben al di sotto rispetto a quelli praticati dagli istituti di credito per la concessione di finanziamenti ordinari.

Requisiti per ottenere prestiti inpdap

Ma chi può accedere realmente a questa forma di prestito agevolato ? Per regolamento Inps possono accedere a questa forma di prestito i dipendenti pubblici e para-pubblici iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni dell’Inpdap, gli iscritti che beneficiano di una pensione Inpdap e quelli iscritti presso altre gestioni pensionistiche, ma che comunque fanno sempre parte della Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali Inpdap. Sul portale ufficiale dell’Inps è possibile reperire tutte le informazioni necessarie su questo tipo di prestiti, sulle agevolazioni e sulla modalità di accesso al credito degli iscritti. E’ possibile anche reperire tutta la modulistica necessaria.

Per ottenere informazioni e preventivi è possibile accedere ai portali dei singoli istituti di credito, immettere i propri dati, la cifra che si intende percepire e la durata. Potrete ottenere il preventivo completo che annovera l’importo della rata, il tasso applicato e i costi di caricamento della pratica. A queste spese vanno anche aggiunti i costi relativi alla quota assicurativa che garantisce l’istituto di credito qualora l’iscritto non possa rimborsare l’intero importo per premorienza o perdita del posto di lavoro. Inoltre sempre su internet esistono portali che consentono di poter confrontare le condizioni di prestito dei singoli isituti per guidarvi nella scelta della soluzione più conveniente.

Ricordiamo inoltre che il prestito, a tasso fisso, viene rimborsato con una rata stabile nel tempo il cui importo non può comunque eccedere la quinta parte dello stipendio al netto delle tasse. Questa forma di prestito agevolato deve essere rimborsata in 120 mensilità e non oltre (10 anni). Coloro che vogliono accedere alla cessione del quinto non devono necessariamente giustificare l’utilizzo che si intende fare della somma percepita, che viene comunque concessa anche a debitori pignorati e protestati o segnalati al Crif.

Share: